Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Padri e figli

Nuova edizione a cura di Francesco Campobello

Descrizione

Questo libro si apre con la meravigliosa adolescenza di Piero e Ada Gobetti e si conclude con la morte di un fraterno amico dell’autore, Carlo Casalegno, assassinato dalle brigate rosse. Non è un’autobiografia, né un libro di storia, né una galleria di ritratti; bensì l’annodarsi e snodarsi di un sessantennio di esperienze umane – spesso intricate o turbolente –, di nobili sforzi e di abiette viltà, di sconfitte amare e di luminose riprese. Vi appaiono, ora di scorcio ora a tutto tondo, accanto alle persone sopra indicate, Benedetto Croce e Francesco Ruffini, Giovanni Amendola, Leone Ginzburg, Ernesto Rossi, e i giovani anche oscuri e dimenticati.
Sullo sfondo, c’è la vecchia Italia liberale, il fascismo e l’antifascismo, il nazismo e il furore antisemita, la Resistenza: come l’autore li ha sentiti nel corso della sua vita. Il filo conduttore è dato a queste pagine dal rapido incalzare di una generazione sull’altra, dal confrontarsi, scontrarsi, e, nei momenti decisivi, ritrovarsi insieme dei padri e dei figli nell’opera comune.


Primo Levi sull’educazione che si trasmette ai figli, in parte genetica, in parte di educazione cosciente, in parte di educazione incosciente diceva: «Non ricordo di aver mai fatto delle lezioni di democrazia ai miei figli, può darsi che l’abbiano assorbita per l’aria». Così è avvenuta in casa nostra, non in modo didattico, ma con l’esempio, la trasmissione dei principi di eguaglianza e di libertà, dei valori della Resistenza e della Costituzione, sostenuti con mitezza, passione, e capacità di ascolto degli altri.


L’importanza della riedizione del libro di Galante Garrone non deriva solo dall’acume delle riflessioni contenute, dall’importanza della memoria, dalla trasmissione dei saperi e dei valori (nel corso delle pagine, non si contano le volte in cui l’Autore descrive ammirato la coerenza morale, l’intransigenza innanzi tutto con sé stessi, la lucidità politica, dei suoi maggiori e dei suoi amici). Il senso della riedizione deriva anche dall'attualità di queste riflessioni, dal necessario tentativo che ciascuno di noi deve fare di individuare «i propri maggiori».
 Francesco Campobello


I padri e figli illustrati da Galante Garrone sono accomunati in vario modo da un qualche richiamo morale a Piero Gobetti. In primo luogo tutti hanno avuto una certa familiarità anche nel dissenso con il giovane teorico della rivoluzione liberale e alcuni di loro ne accolgono gli atteggiamenti di dissenso, fermento critico e di contestazione rivoluzionaria in senso liberale. Inoltre il loro antifascismo è istintivo, esistenziale, fondato su ragioni soprattutto morali e ideali prim’ancora che politiche. Infine, essi muovono da un confronto con la crociana religione della libertà per approdare all’idea di una libertà liberatrice. Galante Garrone appartiene anche lui a pieno titolo alla stessa famiglia, a «quel ristretto numero di spiriti che formavano come un’ecclesia salda e sicura».
Pietro Polito
 
 
 

Biografia dell'autore


Alessandro Galante Garrone

Alessandro Galante Garrone (Vercelli, 1909 – Torino 2003), magistrato per trent’anni, nel 1963 è passato all’insegnamento (di Storia moderna, Storia contemporanea, Storia del Risorgimento) nelle università di Cagliari e di Torino. Collaboratore a quotidiani («La Stampa» di Torino) e a riviste italiane e straniere. Nella Resistenza fu partigiano combattente, e rappresentante del Partito d’azione del CLN del Piemonte.

Suoi scritti principali: Buonarroti e Babeuf (1948); Filippo Buonarroti e i rivoluzionari dell’Ottocento (1951); Gilbert Romme. Storia di un rivoluzionario (1959); I diritti degli italiani (1968); I radicali in Italia. 1849-1925 (1973); Cavallotti (1976); Salvemini e Mazzini (1981); I miei maggiori (1984); Padri e figli (1986); Calamandrei (1987); Amalek. Il dovere della memoria (1989); Il mite giacobino (1994); Un affare di coscienza (1995).


Padri e figli
22,00
 
Spedito in 2 giorni
Photo gallery principale