Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

I templari cuore pulsante di Seborga

Sottotitolo non presente

Descrizione

Giorgio Carbone non ci vuole stupire e neppure abbindolare. Infatti non ci parla del Santo Graal e neppure di Palaprat. Non ci parla neppure della "Sapienza esoterica dell'Ordine del Tempio" o della sopravvivenza occulta dell'Ordine. Forse alcuni lettori saranno delusi ma non ci parla neppure del tesoro dei Templari, o di altre amenità. Giorgio non ama le "bufale" e neppure la grande insalatona sincretistica come ci hanno abituato alcuni autori "esoterici".
Qui si parla delle vicende storiche e documentate del Venerabilis Ordo Sancti Sepulchri, del Principato abbaziale di Seborga e di come i Cavalieri abbiano costituito l'essenza stessa del Principato fino ad occupare la carica di Principe.

Biografia dell'autore


Giorgio I di Seborga

Giorgio Carbone (1936 - 2009) è stato un personaggio eclettico. Appassionato di floricoltura, di medicina, di giurisprudenza, di musica, di giornalismo ma soprattutto di storia, per oltre cinquant' anni si è occupato del recupero di Seborga dal punto di vista storico-tradizionale e del diritto interrnazionale.

Nel 1963 è eletto dalla popolazione seborghina alla carica di Principe "pro tempore". Assumerà il nome di Giorgio I e lotterà strenuamente per il recupero dell'antica indipendenza del Principato.

Giorgio Carbone è un uomo del Tempio, da sempre. Maestro del Venerabile Ordo Sancti Sepulchri, ordine fondato a Seborga nel XIV secolo dall' Abate Pons Lance di Lerins, nel 2000 opererà una riforma dello stesso. E' tra i pochi ad avere ricoperto contemporaneamente le due cariche di Principe di Seborga e di Maestro dell'Ordine.


Quarta di copertina

Gli uomini passano ma la missione dell'Ordine resta. Dopo di noi, ci saranno sempre uomini puri di cuore capaci di ascoltare il nostro messaggio e di unirsi al Venerabilis Ordo Sancti Sepulchri nella incessante lotta contro le Tenebre. Ancora una volta ci sarà da soffrire e da lottare per la difesa dei nostri valori Cristiani e della nostra Seborga, ma il nostro Comandante Supremo è con noi. 
Castrum Sepulchri non è un arido ammasso di pietre; Seborga è un'idea, un sogno, ma anche un compito, una missione. Essa non può essere scissa dal suo Ordine storico e il Veberabilis Ordo Sanctii Sepulchri non può essere scisso dal suo Principato. Seborga è la nostra Gerusalemme; essa va protetta e difesa dalle minacce, da qualunque parte esse provengano. L'Ordine, il Principato e Seborga continuano a vivere perchè sono dentro di noi, nel cuore nostro e di quei tanti Cavalieri che nei secoli a essi hanno dedicato la loro vita.

Indice testuale

La morte del Gran Maestro Biancheri getta l'Ordine nello sconforto.
L'Ordine monastico lerinense è sospeso da Papa Pio VI
Carlo Nicolai di Pelia alla guida dell'Ordine.
Le missioni
L'Ordine nel XIX e XX secolo.

I templari cuore pulsante di Seborga
17,00
 
Spedito in 4 giorni
Photo gallery principale