Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

L'onore dei vivi

Mogadiscio 1966 - XLIII E.F.

Descrizione

Quando Benito Mussolini si spegne nel suo letto il 25 aprile 1964, il grande merito che gli viene riconosciuto dagli italiani è quello di aver tenuto il Paese fuori dalla seconda guerra mondiale, scegliendo la neutralità, e conservando così le colonie. Due anni dopo, il regime è nel pieno di una grave crisi politica e sociale. Gli studenti occupano l’università, le fabbriche scendono in sciopero, e gli stessi fascisti sono divisi tra chi, come Ettore Muti, vuole un ritorno alle origini e alle violenze dello squadrismo, e chi, come il re Umberto, lavora sottotraccia per ritornare al sistema parlamentare. È questa la situazione fantastorica da cui muove questo sorprendente romanzo di Nicola Salvini, che coglie le convulsioni dell’impero da un’angolatura apparentemente marginale: la Somalia, dove i movimenti di liberazione si preparano alla spallata decisiva. In Questura, a Mogadiscio, è arrivato da pochi mesi il commissario Bruno Miltone, torinese...
Dalla presentazione di Ernesto Ferrero

Biografia dell'autore


Nicola Salvini

Nicola Salvini è nato nel 1959 a Torino, dove risiede ed esercita la professione di avvocato lavorista. I suoi interessi riguardano principalmente lo studio della storia, la musica, la poesia e la letteratura fantascientifica. Pratica con assiduità l’escursionismo in montagna. Dal 2011 pubblica i suoi lavori in versi nel blog “Archiplano” (www.archiplano.net), di cui è titolare. Nel 2015 ha pubblicato, con Matisklo Edizioni, sotto la direzione editoriale di Carlo Molinaro, la raccolta di versi “I poeti segreti”. “L’onore dei vivi” è il suo primo romanzo
L'onore dei vivi
20,00
 
Spedito in 2 giorni
Photo gallery principale